OstEOPatia: Osteopatia+Approccio Miofasciale Osteopatico

In questa puntata Dario Vitale spiega perché la sinergia tra Osteopatia e Approccio Miofasciale Osteopatico (AMO) porta ad una diagnosi e una terapia più efficace in molte delle situazioni che si presentano normalmente nello studio di un Osteopata.
Qui sotto il testo dell’intervista per chi preferisce leggere:

D: Cosa intendiamo per problemi di origine meccanica e perché la nostra ostEOPatia è più efficace nel trattarli?
R: Quando parliamo di problemi di origine meccanica, ci riferiamo alla stragrande maggioranza delle richieste con cui un paziente arriva nello studio di un osteopata: lombalgie, cervicalgie, periartriti di spalla, coxartrosi ecc…
Siamo più efficaci perchè nel nostro lavoro teniamo conto di tutti e tre i parametri grazie a cui questi problemi si sviluppano e si mantengono nel tempo: quello articolare, quello miofasciale, quello propriocettivo
D: Mi puoi far capire meglio di cosa stiamo parlando?
R: In una visione classica, l’osteopatia si occupa delle perdite di mobilità articolari, definite disfunzioni, demandando le problematiche posturali al mezieres ed alle metodiche derivate.Queste ultime a loro volta si occupano della forma, partendo dall’assunto “buona forma uguale a buona funzione”. Entrambe, sia l’osteopatia che il mezieres, trascurano completamente il terzo parametro, vale a dire la propriocezione.
In questo modo chi si rivolge ad un osteopata mettiamo per una sciatica, in poche sedute (se l’osteopata è un bravo strutturalista) viene portato fuori dalla fase acuta.
Poi, se lo stesso osteopata stima che ci sia un problema posturale, manda il paziente ad un mezierista che tratterà il vestito miofasciale rendendolo, diciamo così, più comodo da abitare.
Purtroppo alla base ci saranno, sempre ed obbligatoriamente, degli schemi motori falsati, che senza un lavoro adeguato riproporranno le stesse situazioni.
D: Voi di EOP come avete risolto il problema?
R: Operando prima di tutto un grande rivolgimento concettuale. Che è nato dall’esperienza lavorativa di alcuni di noi, che erano sia osteopati, sia mezieristi, e già formati anche nel lavoro propriocettivo, grazie all’insegnamento antesignano di Jacky Renauld.
L’efficacia di questo approccio integrato l’abbiamo trasferito nella nostra formazione, per cui noi adesso consideriamo come disfunzioni, vale a dire perdite di movimento, sia i cambiamenti della forma sia le alterazioni dello schema motorio che comunque generano perdite di mobilità. I cambiamenti della forma li definiamo disfunzioni miofasciali, le alterazioni dello schema motorio disfunzioni propriocettive.
E in questa visione tutti questi tipi sono disfunzioni osteopatiche che entrano a pieno titolo nelle competenze dei nostri osteopati, che formiamo, oltre che nell’osteopatia strutturale classica, sia nel lavoro della miofascia che in quello propriocettivo.
Solo lavorando in questo modo, l’hardware – vale a dire le disfunzioni articolari e le retrazioni della miofascia – ed il software, gli schemi motori disfunzionali, si ottengono risultati esaustivi e duraturi.
D: Quindi qual’è la differenza rispetto all’approccio al paziente dell’osteopatia classica?
R: In osteopatia classica vige un assunto che, paradossalmente, allinea questa visione a quella che impera nella medicina di oggi, che vede il paziente completamente passivo nel proprio percorso terapeutico.
L’osteopata “mette le mani” su un soggetto che, senza alcuna partecipazione attiva, guarirà, così come quando prende un qualsiasi farmaco.
Noi spesso ci troviamo confrontati a situazioni che si sono strutturate nei decenni, sviluppando reti di circoli viziosi che, senza la partecipazione attiva del paziente, sarebbe impossibile rompere.
Per questo, quasi fin da subito, addestriamo il paziente a dei lavori da eseguire da solo che rinforzino quanto facciamo insieme in studio ritornando all’idea che ha improntato la medicina fin dagli albori: è il malato che deve fare il proprio percorso di guarigione, chi lo cura è solo una guida.
Grazie per averci seguito. Se avete trovato interessante questa intervista, fate un regalo ai colleghi che stimate: condividete questo post:
https://tinyurl.com/ostEOPatiaeAMO

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.